EVOLVE ist die Informationskampagne, in der alle Anti-Corona-Maßnahmen und -Protokolle von Riva del Garda Fierecongressi zusammengefasst sind, zur Gewährleistung der Sicherheit und zum Schutz der Gesundheit aller Beteiligten während der Hospitality-Il  Salone dell'Accoglienza und anderer auf ihrem Terminplan vorgesehenen Messe- und Konferenzveranstaltungen.
MEHR ERFAHREN

   

 Dienstag, 19. April 2022
  BEVERAGE 

Qualità e territorialità sono due delle tendenze principali del 2022 anche nel mondo dell’Ho.Re.Ca. ed in particolare nel beverage, dove stiamo assistendo ad una rivalutazione della grappa, distillato tipicamente italiano e ingrediente perfetto per l’arte della miscelazione.

Il nuovo stile della grappa

Da distillato da bere a fine pasto a ingrediente top della mixology: negli ultimi anni l’immagine della grappa, grazie anche al miglioramento progressivo della qualità e all’utilizzo di vinacce del territorio, è diventata un ingrediente da non sottovalutare nella preparazione dei cocktail. Un distillato poliedrico, con tante varietà differenti e pieno di sfaccettature, profondamente legato alla miscelazione territoriale come hanno spiegato ai microfoni di Beverfood Leonardo Veronesi, barman e consulente dell’area speciale RPM- Riva Pianeta Mixology, e il mixologist Leonardo Pinto che ne ha fatto anche il focus del suo educational “Grappa Revolution – Lo Stile Italiano” lo scorso marzo a Hospitality.  

L’intervista la trovi qui: https://youtu.be/G7gyIpAbmVk

Superati quindi i pregiudizi del passato, nasce una nuova era per l’utilizzo della grappa nei cocktail, dando vita ad un mix di sapori perfetto anche per l’aperitivo.

Il drink più famoso? Si tratta di VE.N.TO., cocktail da poco entrato in lista IBA. Ce lo ha raccontato anche uno dei nostri espositori 2022, Grappa Nardini, vincitore della medaglia d’oro all’International Wine and Spirit Competition. Qui l’intervista realizzata a Riva del Garda da Beverfood https://youtu.be/X3BuT2qUJ4g

 

La grappa italiana piace anche all’estero

Distillato tipicamente italiano, la grappa è particolarmente apprezzata anche in altri Paesi: secondo l’ultimo Osservatorio di Federvini, l’export di grappa ha registrato una forte crescita con un +26% nei primi 8 mesi del 2021 rispetto al 2019. Quattro in particolare i mercati più interessanti: Germania (+44%), Svizzera (+36%), Austria (+28%), Canada (+12%).

Utilizzata come distillato da gustare a fine pasto, per correggere il caffè o nella sua nuova veste da protagonista nella preparazione di cocktail, la grappa si conferma come uno dei prodotti simbolo del Made in Italy da continuare a valorizzare.

Se vuoi sapere dei più di mixology e territorio, leggi la nostra news “La mixology del futuro, sempre più artigianale e locale” e continua a seguirci su @Hospitalityriva